Il 12 giugno il Gutturnio protagonista all’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna

enoteca-regionale-emilia-romagna

Il 12 giugno Sere d’Estate Fresche di vino porta a Dozza il vino simbolo dell’enologia piacentina. Il secondo appuntamento di Sere d’Estate Fresche di Vino sarà un viaggio nello spazio e nel tempo alla scoperta del Gutturnio, vino tipico della provincia piacentina da qualche anno insignito di una DOC tutta sua.

Questo rosso brillante frutto del sapiente uvaggio di Barbera e Bonarda – nome locale della Croatina – è il rosso più caratteristico dell’area e richiama nel nome le antiche abitudini romane di fare libagioni a fine pasto, riservando naturalmente all’imperatore l’onore del primo sorso. Infatti Gutturnium era proprio il vaso d’argento, della capienza di circa 2 litri, che passava di mano in mano al termine dei simposi. E proprio il Gutturnium trovato nel Po verso la fine dell’ ‘800 divenne simbolo dell’enologia di quest’area fino a dare il nome al suo rosso più tipico.

Per conoscere la lunga storia del Gutturnio e assaporare tutte le sfumature di questo vino che trae acidità e freschezza dalla Barbera e tannini e struttura dalla Bonarda, l’appuntamento è il 12 giugno alle ore 20.45 nel cortile interno della Rocca Sforzesca di Dozza. serata sarà guidata da Maurizio Manzoni, responsabile della Mostra Permanente di Enoteca Regionale Emilia Romagna, e da Vittorio Pasini, sommelier Ais.

Il costo per la partecipazione è di 15 Euro.

Prenotazione obbligatoria. Informazioni e prenotazioni: 0542 678089, info@enotecaemiliaromagna.it

In caso di maltempo la serata si svolgerà all’Enoteca Regionale Emilia Romagna nei sotterranei della Rocca Sforzesca.

I prossimi appuntamenti:

Martedì 19 Giugno: Sangiovese

Giovedì 21 Giugno: Vini & cocktail “Divini”  Costo della serata € 25

Martedì 26 Giugno: Pignoletto

Martedì 3 Luglio: Albana

Martedì 10 Luglio: Malvasia

Martedì 17 Luglio: Lambrusco & Fortana

Martedì 24 Luglio: Rebola

 

Il 12 giugno Sere d’Estate Fresche di vino porta a Dozza il vino simbolo dell’enologia piacentina