Girotondo 2007, il vino rosato delle donne della Val Tidone

girotondo_rosatoIl commento della redazione

Si presenta di un lampone intenso limpido e luminoso. Al naso è un rincorrersi di frutta rossa decisa ed intensa lampone, mirtillo, anche sul finila un poco di mora. Bocca decisa e potente, bella struttura,ottima acidità, buona corrispondenza con il naso, bella sapidità ottima bevibibilità nonostante i 14°. Per i miei gusti personali solo un poco di residuo zuccherino di troppo. Decisamente il più interessante rosato dei colli piacentini.

Chapeau alle 4 bravissime produttrici.

Lotto della bottiglia degustata: L892

Le produttrici del Girotondo

Chiara Azzali, Sara Piacentini, Lodovica Lusenti e Gaia Bucciarelli si sono cimentate anche in una annata difficile come il 2007 nella produzione di un rosato da uve bonarda. Si tratta di un’esperienza di lavoro in comune nata per gioco da un gruppo di amiche per mettere in comune uve ma soprattutto esperienze, per condividere un percorso e creare un vino che nasce da rapporti di stretta amicizia.

Questa è la terza annata per questo vino rosato creato con la supervisione dell’enologo Stefano Testa. Terzo anno anche per il progetto, che, nato inizialmente a 6 mani è cresciuto oggi con la presenza di una quarta produttrice di vino della Val Tidone, Gaia Bucciarelli.

 

 

 

 

Se ti è piacito questo articolo leggi anche:

  1. Il vino rosato delle donne della Val Tidone